Commissione legalità GDA

COMMISSIONE LEGALITA'

\r\n

Nata nell'anno scolastico 1992-93, è stata la prima commissione formatasi all'interno del Liceo artistico "Damiani Almeyda".

\r\n

Alcuni insegnanti, subito dopo le stragi di mafia del 1992, ottennero i finanziamenti previsti dalla Legge Regionale n. 51 progettando una iniziativa che portò alcune classi del liceo nella città di Corleone per partecipare ad un incontro con i loro coetanei frequentanti il locale liceo classico "Don Giovanni Colletto". Successivamente si bandì un concorso interno per la progettazione di una istallazione artistica per un "non luogo", come ce ne sono tanti nella città di Palermo ma che, significativamente, è proprio di fronte l'abitazione del Giudice Paolo Borsellino. Il concorso venne esitato da una giuria formata da un docente della facoltà di architettura di Palermo e da uno dell'Accademia di Belle Arti e dalla presidentessa del consiglio di circoscrizione. I premi vennero consegnati dalla dott.ssa Rita Borsellino.

\r\n

L'anno successivo lo stesso gruppo di docenti organizzò, grazie ai fondi ottenuti attingendo alla stessa legge, un convegno di tre giorni presso la sala delle conferenze dell'albergo delle povere di Palermo. Tre giorni in cui tutta la scolaresca ha potuto ascoltare gli interventi dei maggiori rappresentanti della lotta alla mafia di allora: giudici, giornalisti d'inchiesta, sindacalisti, sindaci, presidi di scuole di frontiera, sacerdoti e tanti altri che, per il loro coraggio, erano entrati nel mirino della mafia.

\r\n

Gli atti del convegno sono stati pubblicati nel volume "Uscire dall'Indifferenza" dove, in appendice, sono satati pubblicati i progetti che parteciparono al concorso del precedente anno scolastico.

\r\n

 

\r\n

Successivamente la commissione, dalle cui costole si staccò la commissione "rapporti con il territorio", ha proseguito la propria attività con numerose iniziative a sostegno di una educazione alla legalità, collaborando a stretto gomito con l'associazione "ADDIOPIZZO" e partecipando alle attività promosse da "LIBERA" e dalla fondazione intitolata ai giudici Giovanni Falcone e Francesca Morvillo.

\r\n